--------------------------------
Caro membro del C.I.T.,
fai il login e divertiti!
--------------------------------
Entra
 

English Version

English Version

Menu Principale

Home
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Progetti di Ricerca
Galleria
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Regolamento del Centro
Organizzazione
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
News
Calendario
Eventi
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Contattaci
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Raggiungi il C.I.T.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Google Sitemap

Pubblicazioni

Bibliographic Database

Web Link

Link

Cerca nel sito

Cerca
Laboratorio di Biologia dello Sviluppo PDF Stampa E-mail

Laboratorio di Biologia dello Sviluppo

Dipartimento di Biologia Animale, Università di Pavia

piazza Botta 9, 27100 Pavia

 

Gli studi sulla competenza allo sviluppo dei gameti e degli embrioni preimpianto hanno posto le basi concettuali per la comprensione della pluripotenza e del differenziamento cellulare. Questo tipo di ricerche ha un grande rilievo per le possibili applicazioni in ambito biomedico nella messa a punto di terapie cellulari per il trattamento, ad esempio, di malattie degenerative. Le ricerche del Laboratorio di Biologia dello Sviluppo sono finalizzate alla comprensione delle basi molecolari della pluripotenza cellulare. Da sempre vengono studiati i meccanismi differenziativi dei gameti, dimostrando che alcuni fattori coinvolti nell’acquisizione della competenza allo sviluppo dell’oocita sono anche determinanti nel mantenimento della pluripotenza cellulare.

I temi di ricerca sono:

  • Individuazione di marcatori morfologici e molecolari della competenza dell’oocita di mammifero allo sviluppo embrionale
  • Analisi dei pathway di espressione genica dell’oocita durante la follicologenesi anche in condizioni di alterazione dell’espressione di geni specifici della competenza allo sviluppo
  • Analisi del meccanismo di silenziamento delle regioni cromosomiche non appaiate durante la meiosi maschile in topi portatori di eterozigosità strutturali del cariotipo
  • Analisi dei meccanismi molecolari dell’alterazione del differenziamento delle cellule embrionali staminali in cardiomiociti in presenza di xenobionti (es. diossina)
  • Impiego di cellule staminali pluripotenti (ad esempio, embrionali staminali o induced pluripotent stem cells, iPS) come modelli per lo studio della trombopoiesi e delle piastrinopenie ereditarie (in collaborazione con dr. A. Balduini e prof. C. Balduini, Università degli Studi di Pavia)
  • Effetti biologici delle radiazioni sulle cellule staminali pluripotenti